Vai al contenuto

Rimpatrio salma: linee guida, procedure e documenti

rimpatrio salma onoranze funebri Monza Brioschi

Il decesso di una persona all’estero è un evento doloroso e complesso, che richiede una gestione delicata e precisa con una serie di procedure e documenti per il rimpatrio della salma o delle ceneri in Italia o verso un altro paese.

In questo articolo, esploreremo cosa fare in caso di decesso all’estero, le procedure, i documenti necessari e il ruolo del passaporto mortuario in questo processo.

Ecco le linee guida da seguire per organizzare la cerimonia funebre di un caro deceduto all’estero. Queste indicazioni valgono sia per gli italiani che muoiono durante un breve soggiorno all’estero, come durante un viaggio di lavoro o una vacanza, sia per coloro che hanno stabilito la loro residenza all’estero e consideravano quel luogo come casa.

Indipendentemente dalla situazione specifica, si consiglia di rivolgersi a un’agenzia funebre italiana con esperienza o contatti all’estero, come Onoranze Funebri F.lli Brioschi, per il rimpatrio salma.

Questo percorso doloroso può essere reso meno gravoso con la nostra guida e assistenza. Permettiamo ai familiari e amici di concentrarsi sul lutto senza doversi preoccupare degli aspetti più complicati.
Alla burocrazia ci pensiamo noi!

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Cosa Fare in Caso di Decesso all’Estero per il Rimpatrio Salma in Italia

In caso di decesso all’estero di una persona cara,  il primo passo per  riportare il corpo in Italia dopo la morte è contattare l’Ambasciata italiana locale o il Consolato Generale nel paese in cui è avvenuto il decesso e comunicare l’evento.

I familiari o il convivente del defunto potranno avviare le procedure per ottenere il nulla osta dalla Prefettura del paese straniero.

Le Rappresentanze consolari offrono supporto e consulenza ai familiari del defunto per il rimpatrio della salma in Italia e si occupano di ottenere l’autorizzazione dal Comune italiano per la sepoltura, fornendo la documentazione necessaria.

Per riportare la salma di una persona cara in Italia, è essenziale agire prontamente e seguire le procedure stabilite. Qualora  la causa della morte non sia chiara o di sospette origini delittuose, sarà necessario inoltre procedere al dissequestro della salma presso le autorità competenti.

È importante ottenere una copia del certificato di morte e collaborare strettamente con le autorità locali e consolari per ottenere il passaporto mortuario, documento fondamentale per che certifica che il corpo è stato trattato secondo le norme igienico-sanitarie e non presenta rischi di malattie infettive.

Rimpatrio Salma all’Estero

Nel caso in cui la famiglia desideri rimpatriare la salma di un proprio caro dall’Italia verso un altro paese, è  importante contattare l’ambasciata o il consolato del paese di destinazione per ottenere informazioni specifiche sulla procedura e sui requisiti richiesti.

La famiglia dovrà fornire una serie di documenti, compreso il passaporto mortuario, che verrà rilasciato dalle autorità italiane competenti e confermerà che la salma è pronta per il trasporto internazionale.

Contatta Onoranze Funebri F.lli Brioschi

Trasporto salma di italiani all’estero

Procedure simili consentono il trasporto della salma di un cittadino italiano all’estero, nel caso in cui il defunto abbia manifestato il desiderio di essere sepolto o tumulato altrove.

Il trasporto della salma all’estero richiede l’autorizzazione del sindaco, previo parere favorevole dell’autorità sanitaria, e l’ottenimento di alcuni documenti aggiuntivi, tra cui:

  • Il passaporto funerario, se la salma è destinata a uno dei Paesi firmatari della Convenzione di Berlino, come Austria, Belgio, Cile, Egitto, Francia, Germania, Italia, Messico, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Democratica del Congo (Ex Zaire), Romania, Slovacchia, Svizzera, Turchia;
  • L’autorizzazione al trasporto all’estero della salma, se diretta in un Paese non firmatario della Convenzione, insieme al nulla osta per l’introduzione della salma nel Paese estero, rilasciato dall’autorità diplomatica o consolare del Paese straniero in Italia, con firma legalizzata presso la Prefettura.

 

Oltre alla richiesta al sindaco del proprio comune, per il trasporto all’estero della salma di una persona cara sono necessari anche:

  • Un certificato dell’Azienda Sanitaria che attesti la conformità del feretro alle normative sanitarie vigenti e l’assenza di malattie;
  • Un certificato dell’Ufficio di Anatomia Patologica che confermi il trattamento antiputrefattivo;
  • Due estratti di morte rilasciati dallo Stato Civile;
  • Un’autorizzazione all’espatrio rilasciata dallo Stato Civile;
  • Un nulla osta dell’ambasciata, nel caso di paesi non aderenti all’accordo di Berlino.

 

Onoranze funebri F.lli Brioschi solleva la tua famiglia da tutti gli incarichi burocratici  effettuando per conto vostro incombenze complicate.

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Documenti per il Rimpatrio della Salma in Italia

La procedura per il rimpatrio della salma in Italia varia a seconda del paese in cui è avvenuto il decesso. Tuttavia, in generale, sono necessari documenti come il certificato di morte, il nulla osta delle autorità locali, il passaporto mortuario e altri documenti specifici richiesti dalle autorità italiane.

È importante coordinare con l’ambasciata o il consolato italiano nel paese di provenienza e ottenere tutti i documenti necessari per il trasporto.

Procedura e Documenti per il Rimpatrio della Salma all’Estero

Analogamente, per il rimpatrio della salma da Italia all’estero, è necessario seguire una procedura specifica e fornire i documenti richiesti dalle autorità del paese di destinazione. Anche in questa casistica, i documenti possono includere il passaporto mortuario, il certificato di cremazione (nel caso di ceneri) e altri documenti di identificazione.

Come Portare una Salma all’Estero o rimpatriarla in Italia

Il trasporto di una salma può avvenire tramite aereo, nave o su strada. Naturalmente ogni mezzo di trasporto funebre ha tempistiche e modalità di differenti, nonché documentazioni specifiche.

Il trasporto di una salma all’estero richiede una pianificazione attenta e la collaborazione con professionisti esperti. Le salme vengono generalmente trasportate in contenitori appositi e devono essere accompagnate da tutti i documenti necessari per il viaggio.

Le procedure doganali e sanitarie possono variare a seconda del paese di destinazione, quindi è importante essere preparati e seguire tutte le indicazioni fornite dalle autorità competenti.

È importante coordinare con un’agenzia funebre specializzata in rimpatrio salme, come Onoranze Funebri F.lli Brioschi, e seguire le procedure specifiche per il trasporto internazionale dei resti mortali, compresi i requisiti sanitari e legali.

Le agenzie funebri specializzate nel trasporto internazionale sono utili risorse per fornire assistenza e supporto durante tutto il processo e nella coordinazione tra l’ambasciata italiana nel paese di provenienza per ottenere tutti i documenti necessari per il trasporto. All’arrivo della salma si potrà organizzare il funerale.

Onoranze Funebri F.lli Brioschi offre un’assistenza personalizzata, sollevandoti da qualsiasi incombenza burocratica, e risolvendo qualsiasi problema burocratico per il rimpatrio salma.

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Trasporto Salma in Aereo. Come avviene?

Il trasporto delle salme in aereo avviene seguendo rigorose norme e procedure stabilite dalle compagnie aeree e dalle autorità competenti. Le salme vengono generalmente trasportate con aerei cargo e in contenitori appositi, e devono essere accompagnate da tutti i documenti necessari per il viaggio.

Il costo di un trasporto salma in aereo dipende dalla compagnia aerea scelta, dal periodo , dalla tratta del volo, ma anche dal peso del feretro. Il costo del biglietto aereo comprende l’assistenza per l’espletamento della gestione del volo e del carico.

Trasporto Ceneri di un Defunto all’Estero

Nel caso di cremazione, è possibile rimpatriare le ceneri seguendo procedure simili a quelle per la salma. È necessario ottenere il passaporto mortuario per le ceneri e coordinare con le autorità locali e l’ambasciata o il consolato del paese di destinazione.

I costi per il trasporto delle ceneri possono variare a seconda di diversi fattori, come le tariffe nel paese in cui è avvenuta la cremazione e la distanza da percorrere.

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Cos’è la Convenzione di Berlino e il Passaporto Mortuario

La Convenzione di Berlino è un accordo internazionale che regola il trasporto internazionale delle salme. Firmata nel 1937, stabilisce le procedure e i requisiti per il rilascio del passaporto mortuario e altre questioni relative al trasporto dei resti mortali tra i paesi aderenti.

È stata sottoscritta da Austria, Belgio, Egitto, Francia, Germania, Italia, Messico, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Democratica del Congo, Romania, Slovacchia, Svizzera, Turchia (Cile, Danimarca e Olanda l’hanno firmata, ma non ancora ratificata).

Il passaporto viene rilasciato dal comune di decesso in bollo (anche l’istanza andrà in bollo) e accompagnato da un estratto di morte, certificato dell’Azienda Sanitaria ex artt. 30 e 32 DPR 285/1990 e autorizzazione al seppellimento rilasciato dall’USC.

La convenzione fornisce un quadro normativo importante per garantire un trasporto sicuro e regolamentato dei resti mortali.

Il trasporto all’estero della salma è regolato dal DPR 285/1990 (articoli 27/28 e 29), Convenzione di Berlino (10 febbraio 1937), Convenzione con il Vaticano (28 aprile 1938), scambio di note con la Svizzera (14 maggio 1951) e infine Circolare del Ministero della Sanità n. 24/1993 – paragrafo 8.

La Convenzione di Berlino del 10.2.1937 prescrive il rilascio del “passaporto mortuario” in conformità alla convenzione in lingua italiana e almeno in un’altra lingua tra le più usate.

Cos’è il Passaporto Mortuario A Cosa Serve il Passaporto Mortuario

Il passaporto mortuario è essenziale per il trasporto internazionale delle salme o delle ceneri. Serve come documento ufficiale di autorizzazione e conferma che il trasporto è stato autorizzato dalle autorità competenti e che i requisiti sanitari e legali sono stati rispettati.

Nel documento sono indicate le generalità della persona, data, luogo e cause del decesso. Senza il passaporto mortuario, il trasporto dei resti mortali potrebbe essere vietato o ritardato dalle autorità locali.

Una volta che il corpo o le ceneri saranno arrivate in Italia ci occuperemo delle operazioni necessarie al ritiro o sdoganamento della salma o delle ceneri, per poi procedere con l’organizzazione del funerale con servizi di altissimo livello e uno staff specializzato nell’organizzazione cerimonie funebri.

Onoranze Funebri F.lli Brioschi offre supporto, vicinanza e massima professionalità nel rimpatrio salme e organizzazione funerali completi di alta qualità.

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Chi Rilascia il Passaporto Mortuario

Il passaporto mortuario viene rilasciato dalla Autorità Consolare Italiana nello Stato Estero  in cui è avvenuto il decesso o dalle autorità italiane,  su richiesta dei famigliari.

L’ Agenzie funebre Onoranze Funebri F.lli Brioschi fornisce assistenza e supporto nel processo di ottenimento del passaporto mortuario e nella gestione del trasporto internazionale dei resti mortali.

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Documenti Passaporto Mortuario

I documenti richiesti per il rilascio del passaporto mortuario variano a seconda delle normative del paese e delle circostanze specifiche del decesso. Tuttavia, solitamente includono il certificato di morte, il nulla osta delle autorità competenti e altri documenti di identificazione e autorizzazione necessari.

È importante coordinare con le autorità competenti e fornire tutti i documenti richiesti per ottenere il passaporto mortuario.

Documenti per passaporto mortuario Salma

  • attestato di garanzia relativo all’idoneità della cassa rilasciato dall’impresa incaricata del trasporto;
  • nulla osta del Consolato straniero in Italia, nel caso in cui l’espatrio sia in un Paese non aderente alla convenzione di Berlino;
  • nulla osta della Procura della Repubblica nel caso in cui sia intervenuta l’autorità giudiziaria.

 

Documenti per passaporto mortuario Ceneri

  • verbale di avvenuta cremazione (di norma è acquisito d’ufficio);
  • nulla osta del Consolato straniero in Italia, nel caso in cui l’espatrio sia in un Paese non aderente alla convenzione di Berlino.

 

Affidati ad Onoranze Funebri F.lli Brioschi per il rimpatrio della salma del tuo caro.

È deceduta una persona cara?
Possiamo aiutarti subito!

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, non esitare a telefonarci o  contattarci.